Ciao, sei sulla versione mobile del mio sito. Da smartphone leggi meglio in verticale, da tablet in orizzontale

Lampedusa 02

Lampedusa 02
20 marzo 2007 Rocco Rossitto

Dalle vetrate dell’imbarco, in ritorno, si intravedono delle braccia alzate. Scure. E’ il Cpt che si vede. Si aprono le porte, è il momento di salire sull’Atr che da Lampedusa porta a Catania. E’ l’ora di pranzo e bastano una quindicina di passi per raggiungere la scaletta dell’aereo. Poco lontano il recinto coperto di telaverde. I buchi e le mani alzate. Sono quelle dei “clandestini” sbarcati il giorno prima (il 14 marzo, ndr).

Sono arrivati in circa 200 e qui a Lampedusa l’abbiamo saputo solo dal tg. Oppure, se fuori dagli orari classici si sente il rumore di un’aereo partire quello è il segno che i “clandestini” stanno partendo. E qui, quasi tutti, a quel suono, esclamano: “i turchi si portano”. Già, “i turchi”, i “clandestini”, sono lì tra quelle baracche di plexigas a sbracciarsi. Sopra il recinto i panni stesi ad asciugare sotto un sole caldo di metà marzo. Non sembra grande il Cpt, nè a vederlo dall’alto nè dal basso. C’è il motore di un condizionatore d’area e una parabola su un tetto di un edificio all’interno del Cpt. Prabilmente sono lì per le stanze di chi gestisce e controlla la sicurezza del centro.

Il centro, sembra proprio un lagher, sia dall’alto che dal basso.
Ieri, domenica 19, al mio rientro qui a Lampedusa quelle bracce non ci sono più. Dall’alto non si vedono, e mentre scendo dalle scalette getto lo sguardo su quel recinto coperto da un telone verde, quelle braccia non ci sono più. C’è qualcuno però, è un’immagine sfumata. Forse, da giovedì a domenica se li saranno “portati i turchi”.